Cities

Parete dell’utero
Ricordi impossibili di sicurezza e calore.

Soffitto della mia camera
Quando ancora era bianco e per me era il cielo.

La mia camera
Da dietro una retina grigia.

Casa mia
Quando i tavoli erano palazzi e i divani montagne.

Il giardino di casa mia
Indiana Jones mi avrebbe temuto.

L’asilo
Dov’ero costretto a mangiare formaggini e a far cose ben peggiori, come pregare.

La strada che attraversa Altedo
Vista da dietro il mio riflesso sui sedili posteriori della macchina.

Le elementari
I miei sogni di Bidello, le pareti decorate e le gare di lettura.

Roma e dintorni
In visita a quei signori sorridenti con i capelli bianchi.

Montagne in Molise
In visita a signori dai capelli bianchi meno sorridenti.

Uno Zoo
Perchè tutti i bambini sono crudeli.

Altedo
Attraverso le strade della mia disperazione e la gente della mia non sopportazione.

Le medie
I muri ancora rosa, i compagni e le loro parole oscene, gli applausi e le grida.

Un museo
Seguito da altri con me a bocca aperta, e sempre davanti.

________________________________________

Firenze
Il parco, Dante, gli arazzi, i ponti e le amiche.

Il Liceo
Dormire sui bianchi, ballare sui tavolini, amare di nascosto e oziare.

_________________________________________

Bologna
E soprattutto le sue notti, e le sue pioggie.

Pavia
La Certosa, i passaggi segreti ed un ciondolo.

Il bagno della scuola
Un’emergenza.

Casa di Bollo
La prima notte fuori casa. Qui nel cuore.

_________________________________________


Londra

Le fontane, le foto, i sorrisi, le cartoline consegnate a mano, le imboscate e le foglie d’autunno.

________________________________________

Il college
Il Latte aveva un sapore strano.
Uno di quelli al Self-Service sapeva dire le parolacce nella nostra lingua.
Le riunioni notturne.

La chiesa e il funerale
Il primo e probabilmente l’ultimo. Grazie ancora e sempre.

Riccione by night
Droga e Rock’n Roll. La Luna sul mare.

Casa di Steto e casa della Barbara
Di una ho posseduto le chiavi e nell’altra ho dormito.

Torino
Affumicati e cinematografici ricordi, con una spruzzatina d’umidità e una vena di malinconia.

Imola
Verdi fontanelle, gelati e bocciodromi.

Facoltà
La biblioteca, e il Bar.

Sant’Arcangelo e dintorni
Gatti spelacchiati e frasi fatte che non per forza devon dire qualcosa.

Quella camera d’albergo
Esatto. Piccola e arancione. Mia e sua.

________________________________________

Perugia e Sansepolcro
Confessioni in macchina. Stelle. Protezione.

Padova et vicinia
Biblioteche di Babele. Parole che non basterebbero mai.

Scalini della montagnola
Solitario notturno.

Gardaland
Giravolte e grida, sorprese e pioggia.

_________________________________________

Milano
Così larga e superba.
Vissuta con un frenetico vorticare semplice e romantico.
Me ne sono innamorato.

_________________________________________

Parigi
“I profumi, i colori e i suoni si rispondono”. C. Baudelaire.

Arzy & dintorni
Più che altro vedevo il mio compagno di viaggio. Da segnalare i castelli di Romeo e Giulietta. Di notte.

Casa di Plu
Una casa che non ha porte. In tutti i sensi.

Casa della Fra
Teatro di spassosa follia.

__________________________________________


Porretta e Castelluccio

Camminate sotto le stelle, pranzi luculliani e tante sane e fresche risate.

Casa di Chicco
Le folli posizioni di Flat Eric.

Rivergreen Golf
36 buche durate troppo poco e un avversario decisamente inarrivabile.

Velvet
Invisibili alla fragola e gesti romantici.

_________________________________________

Flying rhino
Ferrara

Mercatini di natale e picnic pasquali.

Mantova
Il gelato Post-diploma lungo il lago.

Mirabilandia
Fracicamenti adrenalinici.

________________________________

Porto Santo Stefano
Gerry, la fortezza e il molo di notte.

_________________________________

Orbetello
Tasso Barbasso e la laguna

__________________________________

Urbino
La volta della morte, il Palazzo Ducale e Raffaello.

Pesaro
I bulbi di Narciso e la tedesca allo stand delle piadine.

B&B Anna
Il letto blu come il mare e la sofficità del ciambellone.

__________________________________

Sight from the fortress
Calvi
La culla di Colombo, le candele, la notte.

___________________________________

The fortress on the mountain

Corte
Le scalinate, il museo e i biscottini

4 commenti to “Cities”

  1. Nooo… 😦
    Non è più spelacchiato… anzi!!!! XD E’ un vitello adesso!!!!
    E… perchè frasi fatte? Uffa 😦

  2. AHHHHHH!!!! Ora mi è chiaro!!!!! 😀
    Che ridere!!!!
    bisogna che lo riporti nuovamente in auge!!!
    Ahahahahahah!
    Che bei ricordi però! 😀
    Buona giornata mitico!!!!!

  3. Quando ci aggiungiamo Malta?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...