Scarselle e frappè

Miei sdentati e bucolici lettori, buonasera.
Questa sera vi scrivo ancora sotto l’effetto di circa sei ettolitri di anestesia, con una garza in bocca e un principio di mal di gola, ma potrebbe andare peggio. Potrebbe piovere.
Ad ogni modo, le ferie si avvicinano, ma con estrema lentezza, e nel mentre i ritmi in ufficio crescono perché, ovviamente, tutti si svegliano adesso, che ogni ditta comincia a chiudere, una dopo l’altra, e allora bisogna sbrigarsi e stress e stress e bla bla.
Un piccolo scampolo di relax ce lo siamo goduti io e Chicco domenica scorsa, quando siamo andati al Bundan Celtic Festival, con le nostre camicie di lino prese in Corsica a renderci idonei all’abbigliamento generale della festività, sebbene molti si limitassero a indossare un gonnello e null’altro.
Nel simpatico mercatino celtico abbiamo finalmente trovato la borsina dove tenere i soldi in comune, una fantastica scarsella, questo il nome tecnico, verde, con una striscia di cuoio, che si chiude con dei lacci e si appende alla borsa più grande che mi porto sempre dietro. E inoltre, ora abbiamo abbastanza incenso per tutte le serate chill out da qui all’eternità.
In queste calde serate, molte delle quali passate al cinema all’aperto in piazza, ho anche scoperto qualcosa del quale non so come ho fatto a fare a meno fino ad oggi: il frappè! 

Creamy!

Annunci

One Comment to “Scarselle e frappè”

  1. Ma ‘bbono er frappè…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...