Febbre e dadi

Miei inossidabili e insondabili lettori, bentrovati.
Dopo mesi che mi tiravo la zappa sui piedi al lavoro dicendo:” Sono l’unico fesso che non si ammala mai”, mi sono ammalato.
Certo, avere la febbre a 38 per qualche ora più un pizzico di tosse non si può certo considerare una malattia mortale, ma è bastata a farmi stare a casa un giorno dal lavoro, giorno nel quale ho spento il cervello, mi sono ubriacato di Telefilm, ho attaccato le figurine degli animali (Sì, quelle della Coop), e ho ricominciato a scrivere sul nuovo Moleskine, il terzo, dopo mesi di inattività. E tutto questo senza quasi mai muovermi dal letto!
Oltre a ciò, in quest’ultimo paio di settimane ho rispolverato i vecchi manuali di D&D, avendo finalmente trovato un quarto giocatore stabile e un giorno della settimana papabile, e poi, siccome a me e Chicco piace portarci avanti, abbiamo stabilito la meta del nostro prossimo viaggio di anniversario. Vi dico solo una cosa: Idromassaggio.

And this is another hint

 

Annunci

One Comment to “Febbre e dadi”

  1. Anche questa stanza sarà fonte di ispirazione!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...