Specchi d’acqua

L’immersione fu lenta, una piccola lotta contro la morsa gelida dell’acqua che lentamente gli risaliva per il corpo mentre vi avanzava, facendo attenzione a non scivolare sugli scogli.
Improvvisa fu invece la decisione di tuffarsi. Bastò trattenere il respiro, stendere le braccia in avanti ed ecco che con pinnate decise nuotava verso acque più profonde, scrutando attraverso la maschera gli anfratti e i segreti del fondale.
Si divertiva a seguire i pesci, spaventandoli con movimenti bruschi, oppure a muoversi a zigzag con le braccia allargate come fossero ali, facendo finta di volare.
Poi arrivò dove improvvisamente il fondale diventava quasi un abisso. Riusciva ancora a vedere il fondo, laggiù, in uno piccolo spiazzo sabbioso c’era addirittura una stella marina, ma lo stesso provava come un senso di vertigine.
Con poche decise pinnate trattenne il fiato e si immerse più in basso che poteva, poi per tornare in superficie si girò sul dorso, e si vide riflesso sul pelo dell’acqua, come in infiniti specchi ondulati.
Rimase fermo immobile, mentre il suo corpo ritornava naturalmente a galla, e pensò che quella era la più meravigliosa sensazione mai provata.

Take a deep breath and go deeper

Annunci

2 commenti to “Specchi d’acqua”

  1. Questo dream mi consente di sfogare la mia voglia di fare acquisti on line, vado a cercare dei tappi per le orecchie, il principio di otite di quest’estate mi ha distrutto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...